Piaceri di coppia: fare un corso di Watsu assieme

 

Il Watsu è una tecnica di rilassamento in acqua calda. In genere si lavora in coppia: una persona si prende cura dell’altra, sostenendone il galleggiamento e cullandola nell’acqua in varie posizioni.

 

L’altra persona deve solo rilassarsi, concentrandosi sulla sensazione di galleggiamento e sulle sensazioni originate dal contatto e le manipolazioni del partner. Al termine della sessione si invertono i ruoli. E’ una tecnica estremamente potente, che crea sentimenti di vicinanza e gratitudine addirittura con sconosciuti; puoi immaginare l’effetto col tuo partner.

 

Il video qui sotto dà un’idea di come funziona.

 

La tecnica di base è estremamente semplice, e può facilmente essere imparata in un week end. Maggiori informazioni e un calendario dei seminari sono reperibili sul sito di Watsu Italia. Io mi sono trovato molto bene in un corso organizzato a Sasseta Alta.

 

Consigliato almeno 1 volta all’anno, e per migliorare l’intimità fisica in coppie formate da poco.

 

Il Watsu è stato inventato da Harold Dull. Vedi una sua biografia.

 

Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright.

 

Sei interessata/o a questo tema? Per essere informata/o quando saranno pubblicati nuovi articoli iscriviti alla mia mailing list (vedi il fondo della pagina).

 

 

 

 

Vedi gli altri articoli dedicati all’intimità di coppia:

 

 

Piaceri di coppia: andare alle terme assieme

 

A bagno nell’acqua calda si sta bene. Se poi andiamo alle terme col nostro partner, e ci lasciamo cullare dall’acqua, ci carezziamo, ci muoviamo tenendoci in contatto, allora ancora meglio.

 

In molte terme i cellulari devono stare spenti, così l’attenzione sarà focalizzata sulle nostre sensazioni e sul nostro partner. Inoltre le terme sono luoghi accoglienti, dove è possibile sedersi, sdraiarsi e prendere una bevanda o mangiare.

 

Le terme sono un contesto ideale per parlarsi e per una intimità fisica. Consigliato almeno 1 volta al mese.

 

Io quando ho tempo vado ad Asmana a Campi Bisenzio oppure, se mi va di fare un po’ più strada, alle Terme San Giovanni a Rapolano. Comunque, ormai ci sono spa in tutte le grandi città italiane.

 

Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright.

 

Sei interessata/o a questo tema? Per essere informata/o quando saranno pubblicati nuovi articoli iscriviti alla mia mailing list. [caldera_form_modal id=”CF5a525fe8c8856″ type=”button”]Iscriviti gratis [/caldera_form_modal]

 

 

 

 

Vedi gli altri articoli dedicati all’intimità di coppia:

 

     

     

    Quanto dovrebbe durare un rapporto sessuale? Rispondono le donne

    A quanto pare ancora oggi molti uomini trascurano i preliminari. Ma per noi donne, la possibilità di condividere un piacere non determinato dal rapporto sessuale vero e proprio, è spesso determinante per il raggiungimento dell’orgasmo. Non solo, i preliminari per molte donne, sono più importanti del vero e proprio rapporto sessuale. Quanto vorremmo che durassero? Secondo una ricerca, almeno 13 minuti.

    Se la media non supera gli 8 minuti, beh, per noi signore ci vorrebbe qualche sforzo in più. Dopo i preliminari vorremmo che il rapporto si prolungasse per almeno 15 minuti, per assicurarci le vette del piacere.

    Fonte: articolo su Al femminile

    Il tuo compagno viene troppo presto? Dipende anche da te

    Questo articolo parla di eiaculazione precoce, ma è necessario fare una premessa: se pensi che il tuo compagno ‘viene troppo presto’ perché nel rapporto sessuale non raggiungi l’orgasmo, verifica che i preliminari siano lunghi abbastanza in modo che quando passate alla penetrazione sei già ben eccitata, e che durante la penetrazione lui ti stimoli o tu ti stimoli il clitoride a sufficienza in modo da arrivare all’orgasmo.

    Nella gran parte delle donne, in rapporti sessuali basati  sulla penetrazione, il raggiungimento dell’orgasmo è lento (15-20 minuti) e in genere richiede la stimolazione diretta del clitoride. Far raggiungere l’orgasmo alla donna solo con la penetrazione richiede lunghi preliminari e spinte vigorose e profonde per almeno 10-15 minuti, che la gran parte degli uomini non sono in grado di assicurare perché  i loro tempi standard sono più brevi.

    Nella gran parte degli uomini l’eiaculazione, che in genere corrisponde al raggiungimento dell’orgasmo, tende  ad avvenire entro 2-5 minuti dall’inizio della penetrazione. Gli uomini che durano di più ci riescono perché hanno imparato ad amministrarsi e/o hanno delle compagne che sanno come farli durare di più.

    A questo punto possiamo approfondire il tema del nostro articolo. Spingi il tuo compagno a tempi ridotti di penetrazione se:

    -accetti rapporti sessuali in situazioni scomode o ansiose: fretta, freddo, troppo rumore, paura di essere scoperti, paura di gravidanze indesiderate, posizioni scomode, stanchezza fisica, disagio nell’utilizzo del preservativo, sonno; sono tutte cose che lo spingono a finire presto.

    -accetti rapporti sessuali ma le tue condizioni o il tuo atteggiamento non sono invitanti. Ad esempio sei poco lubrificata, la penetrazione ti dà dolore, hai paura della penetrazione, gli dici o gli fai capire che non hai voglia di fare l’amore, sei indifferente, poco comunicativa o ostile.

    -gli fai fare l’amore di rado: stare molto tempo senza fare l’amore lo ‘carica’ troppo e riduce i suoi  tempi di eiaculazione.

    – lo fai eccitare troppo e troppo in fretta: accetti o richiedi posizioni che permettono una penetrazione profonda, come quella del missionario, gli fai dare troppe spinte di seguito, gli fai sesso orale, ti (s)vesti o ti comporti in maniera provocante, ti muovi troppo o ansimi rumorosamente.

    Gli uomini che durano di più hanno imparato a ridurre e dilazionare la loro eccitazione, facendola arrivare al top solo quando, dopo un tempo conveniente, hanno deciso di venire. Gli uomini che durano di più, nella fase iniziale del coito evitano continue spinte frenetiche e profonde (le alternano invece a spinte superficiali, spinte laterali, momenti in cui estraggono il pene e lo usano per stimolare il clitoride con la punta), cambiano posizione in modo da far scendere l’eccitazione, scelgono posizioni in cui il movimento del pene è limitato, fanno  preliminari lunghi, concentrandosi sul piacere che arriva da altre parti del corpo invece che dal pene, evitano di ricevere sesso orale.

    Molti uomini (soprattutto i più giovani, che hanno meno esperienza, ma anche una parte dei più grandi) ancora non hanno imparato queste tecniche; IN QUESTI CASI TOCCA A TE IMPOSTARE IL RAPPORTO SESSUALE IN MANIERA CONVENIENTE.

    Prima di tutto devi imparare a monitorare il livello di eccitazione del tuo partner (del resto probabilmente anche il tuo partner monitora costantemente il tuo livello di eccitazione): ogni tanto chiedigli quanto è eccitato (ad esempio ‘Da 1 a 10, quanto sei eccitato?) e, finché  non vuoi che venga, evita che cominci a stantuffare e fagli adottare le altre tecniche descritte sopra.

    Inoltre se vuoi migliore il tuo piacere e facilitare i vostri rapporti, devi spiegare al tuo compagno cos’è che ti piace nei preliminari, come ti piace essere massaggiata nel clitoride, e massaggiarti anche tu direttamente. Una tua buona eccitazione /stimolazione riduce la necessità di penetrazioni che durano a lungo.

    In alcuni casi l’eiaculazione precoce è dovuta a problemi medici. Il tuo compagno ha parlato del problema col suo medico?

    Alcuni uomini, se l’eiaculazione precoce va avanti da un po’, sviluppano un’ansia da prestazione verso la penetrazione che riduce ulteriormente i loro tempi. In questi casi è utile una consulenza psicologica.

     

    Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright.

     

     

       

      Sei arrivata a questa pagina probabilmente facendo una ricerca con una di queste parole: eiaculazione precoce, cause eiaculazione precoce, rimedi per l’eiaculazione precoce, come aumentare il controllo eiaculatorio, come ritardare l’eiaculazione, eiaculazione precoce e vita di coppia, coppie e eiaculazione precoce, donne e eiaculazione precoce, effetti dell’eiaculazione precoce sulla coppia, anorgasmia femminile e eiaculazione precoce,  eiaculazione precoce problema di coppia, soluzioni per l’eiaculazione precoce, trattamento dell’eiaculazione precoce, terapia dell’eiaculazione precoce, terapia mansionale, il mio ragazzo è troppo precoce, il mio ragazzo non controlla l’eiaculazione, come aiutare il partner, come aiutare mio marito eiaculazione precoce, impatto dell’eiaculazione precoce sulla coppia, il ruolo della donna nell’eiaculazione precoce, quando lui viene troppo presto, come farlo durare di più, egoismo e eiaculazione precoce, il mio compagno è egoista, mio marito pensa solo al suo piacere, eiaculazione precoce cosa fare.

      Piaceri di coppia: abbracciare il partner a cucchiaio prima di addormentarsi

      I cucchiai si adattano perfettamente l’uno all’altro. Questa posizione, ideale per farsi le coccole, aumenta considerevolmente l’intimità, permettendo a te e al tuo partner di rannicchiarvi come cucchiai in un cassetto. Se vuoi sentirti più vicino al tuo partner, questo è un ottimo metodo. Ci sono diverse varianti di abbracci a cucchiaio, questo articolo ti spiega quali sono. La foto sopra indica la posizione classica, ma sono possibili anche alcune varianti indicate qui di seguito. Quella qui sotto combina la posizione a cucchiaio di lui con quella fetale di lei.

       

      E’ bello anche alternare i ruoli.

       

      Questa, infine, non è una posizione a cucchiaio ma è lo stesso molto piacevole per addormentarsi assieme.

       

      Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright. La fonte e le immagini di questo articolo sono riprese dal sito WikiHow: Come Abbracciare Qualcuno a Cucchiaio: 10 Passaggi

       

      Sei interessata/o a questo tema? Per essere informata/o quando saranno pubblicati nuovi articoli puoi inserire la tua mail nello spazio in fondo alla pagina.