Come conciliare i figli piccoli con la sessualità di coppia

I figli piccoli possono avere un effetto devastante sulla vita erotica di coppia; hanno bisogno di essere costantemente accuditi, invadono gli spazi della coppia (ad esempio spesso vengono a dormire nel nostro letto), esauriscono le nostre risorse fisiche e psichiche. Anche quando vanno al nido o a scuola, la loro assenza corrisponde alla nostra assenza per lavoro. Se poi sono a casa in vacanza, ancora peggio.

 

I primi mesi e il primo anno dopo il parto sono quelli peggiori. Soprattutto col primo figlio molti genitori non sanno come comportarsi e dedicano all’accudimento quasi tutto il loro tempo in comune. Poi per fortuna dopo i 12 mesi i bambini diventano più autonomi: imparano a camminare e a mangiare da soli e poi un po’ più tardi anche a esprimersi con le parole.

 

Il calo della vita erotica di coppia dipende soprattutto dalla donna, i motivi possono essere diversi:

  • Un elevato livello di prolattina, provocato dall’allattamento, che riduce il desiderio sessuale
  • La paura di provare dolore nei rapporti sessuali, soprattutto se c’è stata episiotomia
  • Dolore nella penetrazione dovuto a secchezza vaginale, causata da un basso livello di estrogeni
  • La stanchezza dovuta all’eccessiva attenzione rivolta al bambino, per insicurezza e inesperienza.
  • La focalizzazione sul bambino nel ruolo di madre. Il compagno viene visto come un intruso
  • Il desiderio di essere non solo una ‘padrona di casa perfetta’, ma anche una ‘mamma perfetta’ che porta a esaurire tutto il tempo e le energie

 

Cosa è possibile fare per evitare che i partner passino da amanti a amici? Innanzitutto la donna deve essere cosciente che, qualunque sia l’importanza che attribuisce e gli sforzi necessari per crescere figli, per gli uomini l’erotismo è una componente fondamentale del rapporto e in genere un rapporto senza erotismo non è destinato a durare.

 

È inoltre importante una buona comunicazione di coppia sul tema dell’erotismo. Quando manca la comunicazione è facile che si creino frustrazione e risentimenti. I partner devono parlare di come vivono la loro sessualità e dei loro desideri in questa nuova fase della loro vita di coppia, e cercare delle soluzioni che permettono di non trascurare troppo i bisogni di ciascuno. È necessario fare un esercizio di adattamento e creatività. Ad esempio è possibile (le soluzioni variano anche a seconda dell’età dei bambini):

 

  • Chiedere un aiuto al compagno o a una esterna nel disbrigo dei lavori domestici, in modo da liberare tempo per l’intimità
  • Accettare che la casa sia più disordinata e trascurata. Un lavandino opaco vale sicuramente meno di un’ora passata assieme sotto le coperte
  • Fare l’amore non più ad orari canonici, ma appena ce n’è la possibilità, ad esempio non appena il bambino si addormenta
  • Stare connessi con una comunicazione erotica (baci e carezze) durante tutta la giornata
  • Ricorrere a una baby sitter
  • Mandare i figli dai nonni
  • Mandare i figli a dormire o a giocare dagli amici (e reciprocare)
  • Abituare i figli ad andare a letto presto.

 

Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright.

 

Chiedimi una consulenza a distanza o in studio su come migliorare la tua intimità di coppia da questa pagina. Per ulteriori informazioni puoi scrivermi utilizzando il modulo qui sotto.

 

Sei interessata/o a questo tema? Per essere informata/o quando saranno pubblicati nuovi articoli iscriviti alla mia mailing list.

 

 

 

 

Vedi gli altri articoli dedicati all’intimità di coppia: