Come intensificare e prolungare l’orgasmo

intensificazione orgasmo

Puoi prolungare la durata e l’intensità del tuo orgasmo attraverso una tecnica che in inglese viene chiamata edging, peaking, or surfing, e in italiano orgasmo esteso o orgasmo controllato. Questa tecnica per intensificare e prolungare l’orgasmo fondamentalmente consiste nell’arrivare più volte vicino all’orgasmo senza orgasmare. Questo provoca un accumulo di tensione e un affinamento della sensibilità che, secondo coloro che praticano questa tecnica, provocano un orgasmo finale più intenso di quello usuale e, in alcuni casi sensazioni estatiche.

 

L’orgasmo controllato è l’esercizio principale del Tantra Yoga ed è consigliato anche in molti manuali laici di tecniche sessuali. Imparare a ritardare l’eiaculazione e controllare l’orgasmo è utile anche per chi soffre di eiaculazione precoce.

 

Per la donna il controllo dell’orgasmo è più semplice, mentre per l’uomo il controllo dell’orgasmo è complicato dal fatto che  l’orgasmo (cioè la sensazione do culmine di piacere originata dalla stimolazione dei genitali) è in genere accoppiato all’eiaculazione (cioè l’emissione di seme). Orgasmo e l’eiaculazione sono però processi diversi, e con un conveniente allenamento è possibile arrivare all’orgasmo senza eiaculare.

 

L’eiaculazione avviene tramite spinte ritmiche. Per ottenere l’orgasmo controllato l’uomo deve fermare ogni stimolazione non appena sente che cominciano che le spinte ritmiche. E’ un processo che richiede forza di volontà, perché il comportamento spontaneo sarebbe invece accelerare ulteriormente la stimolazione in modo da accelerare l’orgasmo. Una volta che l’eccitazione è calata devi riprendere la stimolazione fino ad arrivare di nuovo alle prime contrazioni pelviche e poi fermarti, e così via.

 

Qui di seguito riporto l’esperienza con l’orgasmo controllato di Catherine Yronwode, una scrittrice  americana. La riporto qui di seguito condensata e adattata da questo articolo.

 

La tecnica fondamentale consiste nello stimolarsi sessualmente più volte di seguito senza arrivare all’orgasmo. Se vuoi imparare questa tecnica devi prima di tutto imparare a riconoscere quando sta per arrivare l’eiaculazione (o, nelle donne, l’orgasmo).

 

La tecnica consiste nell’arrivare in ogni sessione varie volte (10 o più) vicino all’eiaculazione/orgasmo e fermarsi subito prima in modo da evitare di eiaculare / orgasmare. Se sei un uomo,  devi prestare attenzione al fatto che c’è un breve momento prima dell’eiaculazione quando sei cosciente che l’eiaculazione sta per accadere ma non è ancora diventata inevitabile.  E’ in questo momento che devi rilassarti e ridurre la stimolazione.

 

Sentirai una o due contrazioni a cui, se ti rilassi correttamente non seguirà l’eiaculazione.  Per rilassarti puoi respirare lentamente e inoltre rilasciare i tuoi muscoli addominali. Rimani focalizzato sulle sensazioni, evita di far calare l’eccitazione pensando a qualcos’altro per distrarti.  Fai calare un po’ l’eccitazione e poi riprendi con la stimolazione  ripetendo il ciclo più di una volta. Prova a immaginarti in cima a un onda di piacere,  un’onda che non si frange sulla spiaggia.

 

Puoi praticare questa tecnica durante la masturbazione o con un partner.  Se hai difficoltà a controllarti, puoi iniziare a sperimentare questa tecnica durante la masturbazione perché inizialmente da soli la difficoltà è minore. D’altra parte con un partner è più facile rimanere in cima all’onda perché l’eccitazione è maggiore, e inoltre la presenza di un partner aumenta la motivazione a imparare il controllo e, muovendosi meno o cambiando leggermente posizione il tuo partner può aiutarti a far calare l’eccitazione.

 

Prova a cavalcare l’onda a turno col tuo partner.  Durante una sessione  della durata di circa un’ora potete scambiare i ruoli più di una volta. Mentre uno di voi sta in cima all’onda del piacere l’altro sta di guardia rallentandogli l’orgasmo quando necessario.  Una volta che uno dei due è arrivato alla saturazione si rilassa e vi scambiate i ruoli. Potete anche decidere di fermarvi e riprendere dopo un po’. Via via che prendete affiatamento non avrete più bisogno di pensare a chi è che cavalca e chi si prende cura dell’altro,  i ruoli si mescoleranno.

 

A volte il partner di guardia, mentre impara questa tecnica, acquisisce un sentimento di potere personale sull’altro,  sapendo che può facilmente provocagli un orgasmo. Questa sensazione di potere non deve essere trascurata. È molto appagante accorgersi che qualcuno ti ha dato un potere sulla sua sessualità ed è molto appagante osservare lo sviluppo del processo orgasmico del tuo partner. Tuttavia anche se hai potere non spingere il tuo partner all’orgasmo,  perché se lo spingi all’orgasmo il tuo partner non riuscirà a sviluppare il suo controllo.  Alcuni giorni il tuo partner può avere un desiderio sessuale più alto del solito (per esempio una donna durante l’ovulazione o prima delle mestruazioni) e puoi offrirgli il regalo di fargli provare l’orgasmo.  Ma devi essere pronto e accettare anche un rifiuto. In ogni caso il tuo obiettivo è aiutare il tuo partner ad acquisire controllo sull’orgasmo e non indovinare se desidera venire.

 

Il tempo minimo per praticare questo esercizio è 20 minuti; per aumentare le probabilità provare un’esperienza di estasi sessuale sono necessarie sessioni di almeno 40 minuti. Ricorda che questi 40 minuti vanno divisi per entrambi i partner. Una volta imparato come fare, dopo aver scambiato i ruoli possono volerci solo pochi secondi o un solo minuto per arrivare di nuovo vicino all’orgasmo. Fai  attenzione a non sentirti troppo sicuro di te e dimenticare di rilassarti quando è il momento.

 

Se a causa di una eccitazione eccessiva uno dei partner orgasma nessuno dei due deve essere allarmato, arrabbiato o rattristato.  Se sei stato molto vicino all’orgasmo per lungo tempo e vedi che il tuo partner orgasma allora puoi farlo anche tu. Oppure se preferisci puoi semplicemente osservare il tuo partner. Nella mia esperienza quando uno dei partner raggiunge un orgasmo involontario  si scusa ed è perdonato affettuosamente.  Non c’è risentimento perché entrambi i partner sanno che  l’esperienza del piacere può essere  raggiunta di nuovo in poco tempo.

 

Se diventi bravo in questa tecnica e ti piace,  vedrai che dopo 20 o 30 minuti  il tuo bisogno  di orgasmo sarà calmato e non sempre avrai desiderio di venire, oppure proverai una sensazione orgasmica che non sarà accompagnata da contrazioni. Oppure a un certo punto potete decidere che entrambi volete un orgasmo immediato e a quel punto potete terminare l’esercizio con un orgasmo.

 

NOTA BENE: Se decidi di utilizzare la tecnica di controllo dell’orgasmo descritta in questa pagina parlane prima col tuo medico, perché alcune fonti dicono che in alcuni casi questa pratica, soprattuto se continuata nel tempo, può provocare prostatiti. Le informazioni contenute in questo articolo sono date solo a fini informativi e non devono essere considerate come un invito a indiscriminato a utilizzare questa tecnica.

 

Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright.

 

Chiedimi una consulenza online o in studio su come migliorare la tua intesa sessuale. Per ulteriori informazioni puoi scrivermi utilizzando il modulo qui sotto.

 

Sei interessata/o a questo tema? Per essere informata/o quando saranno pubblicati nuovi articoli iscriviti alla mia mailing list.

 

 

 

 

Vedi gli altri articoli dedicati all’intimità di coppia:

 

 

Questo articolo parla di intensificare l’orgasmo, controllare l’orgasmo, rimandare l’orgasmo, tantra yoga, Karezza, surfing, edging, extended orgasm, orgasmo esteso, orgasmo controllato, peaking, tecniche di potenziamento dell’orgasmo, orgasmo potenziato, consulenza a distanza, consulenza online, psicologia, sessuologia.