La cura chirurgica dell’anorgasmia femminile

Nel 1924 la psicoanalista Marie Bonaparte pubblicò uno studio in cui sosteneva che le donne che non provano l’orgasmo durante la penetrazione hanno un clitoride collocato ‘troppo lontano’ dall’imbocco della vagina. Per questo motivo il pene, durante la penetrazione, non riesce a stimolarlo a sufficienza.

 

Secondo la Bonaparte c’erano due tipologie di donne anorgasmiche. La prima era caratterizzata dall’incapacità di raggiungere l’orgasmo tramite qualunque tipo di stimolazione ‘interna o esterna’ (anorgasmia assoluta). Al contrario, le donne appartenenti alla seconda tipologia erano anorgasmiche solo nel coito: “Implacablement insensibles pendant le coit, et le coit seul”.

 

Secondo la Bonaparte le cause dell’anorgasmia assoluta erano di natura psicologia ed erano trattabili solo con la psicoterapia. L’anorgasmia solo nel coito era invece dovuta alla conformazione anatomica femminile, che, in alcune donne, collocava il clitoride troppo in alto rispetto all’ingresso della vagina. Bonaparte propose di trattare questo problema ‘spostando’ chirurgicamente il clitoride più in basso. Assieme al chirurgo austriaco Josef Halban, la Bonaparte mise a punto una procedura dove il legamento sospensorio del clitoride veniva tagliato permettendone così uno spostamento più in basso.

 

Convinta della giustezza della sua teoria e della soluzione individuata, la Bonaparte si sottopose così a tre operazioni ma senza risultati apprezzabili. Lo stesso insuccesso ebbero altre 4 donne che si sottoposero alla stessa operazione. Secondo alcuni studiosi l’operazione potrebbe aver addirittura ridotto la sensibilità femminile a causa del taglio di alcune terminazioni nervose clitoridee.

 

L’opzione del trattamento chirurgico dell’anorgasmia femminile fu così abbandonata, e da allora è rimasta solo una curiosità storica.

 

Fonte: Kim Wallen, Ph.D. and Elisabeth A. Lloyd, Ph.D. (2010) Female Sexual Arousal: Genital Anatomy and Orgasm in Intercourse Horm Behav. 2011 May ; 59(5): 780–792. doi:10.1016/j.yhbeh.2010.12.004

 

Provi poco piacere durante il rapporto sessuale? Chiedimi una consulenza sessuologica a distanza o in studio da questa pagina. Per ulteriori informazioni puoi scrivermi utilizzando il modulo qui sotto.

 

Sei interessata a questo tema? Per essere informata quando saranno pubblicati nuovi articoli iscriviti alla mia mailing list.

 

 

 

 

Leggi tutti gli articoli su questo tema contenuti nel mio sito:

 

Autore © Leonardo Evangelista. L’articolo rispecchia le opinioni dell’autore al momento dell’ultima modifica. Vedi le indicazioni relative a Informativa Privacy, cookie policy e Copyright.