Un 2017 senza sesso perché le app di dating non funzionano

Anita, 35 anni, racconta le sue esperienze insoddisfacenti con le app di dating:

 

‘Al primo appuntamento con un ragazzo conosciuto tramite un’app di dating, fissato per il sabato sera, mi sono trovata davanti uno che non solo non si era lavato i capelli da un po’ (e si vedeva), ma nemmeno i denti.

 

Il secondo con cui sono uscita si è presentato in ritardo e mi ha riportata in un locale dove era impossibile parlare. Dopo un’oretta dava segni di impazienza e quando gli ho chiesto se avesse altri impegni mi ha risposto che doveva scappare perché la mamma lo aspettava per la cena.

 

Il terzo era un avvocato di successo sempre pieno di impegni perché vive in un’altra città e a causa del suo lavoro gli era difficile muoversi. Poi ho scoperto la verità: viveva con la mamma, andava in vacanza con lei, usciva con le ragazze approvate da lei (sì, perché è sua amica su Facebook e controlla tutte quelle che lasciano like e messaggi al profilo del figlio).’

 

In sintesi, dopo queste e altre storie deludenti, Anita ha terminato il 2017 ‘senza sesso’ e senza una relazione significativa.

 

Puoi leggere in dettaglio l’esperienza di Anita in un articolo pubblicato oggi su Il Corriere della Sera.